Arrangemets & Haze

Punteggio complessivo

Importanza artisti

Curatela e contesto

Trasporti e ingresso

Immagine di  Arrangemets & Haze

Artisti Apparatus 22

GALLLERIAPIÙ ha il piacere di annunciare “Arrangemets & Haze”, il secondo solo show in galleria di Apparatus 22, collettivo artistico che lavora tra Bucarest e Bruxelles. Mentre i lavori della serie precedente “Several Laws. The Elastic Test” si collocano nei tempi nebulosi in cui stiamo vivendo attraverso una critica alle innumerevoli norme che modellano il corpo nella società contemporanea, “Arrangements & Haze” cambia il punto di vista. Spostando la riflessione sul corpo in un futuro lontano, il collettivo anticipa pensieri poetici che si snodano tra il viscerale e il digitale, tra il piacere e l’abuso e, soprattutto, tra l’impossibile e ciò che potrebbe essere plausibile solo attraverso una radicale immaginazione. Una sezione della mostra è composta da “Arrangements & Haze”, la serie di otto testi su grandi ritagli di pelle che esplorano scenari di corpi radicali in relazione al lavoro, alla tecnologia, alla spiritualità, all’ergonomia estrema e all’economia. Nessun freno all’immaginazione, né tracce lineari di realismo.

Apparatus 22 ha coniato il termine hardcore minimalism per evidenziare la tensione tra il semplice mezzo formale – un rettangolo di pelle bianca – e l’intensa quintessenza del messaggio tatuato su di esso. L’intensità veicolata da una forma così sobria risulta possibile, paradossalmente, attraverso un eccesso di immaginazione, amore e criticità combinati insieme: un processo strettamente collegato a SUPRAINFINIT, ovvero il tentativo di Apparatus 22 di immaginare un universo in cui la speranza venga usata come strumento critico. Questo tentativo si oggettivizza in mostra con l’altro corpo di lavori: oggetti e installazioni che sono allo stesso tempo duri e fragili, organici e artificiali, acuti e peculiari, sciamanici e imbevuti di logica (interiore) per prepararsi ad un rituale perturbante. Protesi per l’immaginazione radicale, queste opere sono tutte incentrate sul processo di mettere insieme e intrecciare pensieri, energie, oggetti ed elementi al di là di ciò che è conosciuto, inconfutabile e manifesto al fine di evocare (le possibili) realtà del corpo nel futuro secondo Apparatus 22.